Decreto Natale – Proroga dello stato di emergenza nazionale e ulteriori misure per il contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19. Ecco cosa prevede il Decreto.

È stato pubblicato sulla Gazzetta del 24 dicembre 2021 e in vigore dal 25 dicembre il Decreto Legge che unisce in un unico testo le misure varate dal Governo il 14 e il 23 dicembre scorsi.

 

 

Stato di emergenza nazionale

Il Decreto, considerando il protrarsi della diffusione del virus, stabilisce la proroga dello stato di emergenza e delle misure per il contenimento dell’epidemia da COVID-19 fino al 31 marzo 2022. Sono prorogati anche i poteri derivanti dallo stato di emergenza al Capo del Dipartimento della Protezione Civile, così come è prorogata la struttura del Commissario Straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure di contenimento e contrasto dell’emergenza epidemiologica.

Restano valide le disposizioni relative all’impiego del Green Pass e del Green Pass rafforzato e ai test antigenici rapidi gratuiti e a prezzi calmierati.

Il Decreto stabilisce, inoltre, che fino al 31 marzo 2022 il Green Pass rafforzato deve essere utilizzato anche in zona bianca per lo svolgimento delle attività che altrimenti sarebbero oggetto di restrizioni in zona gialla.

Sono prorogati fino al 31 marzo 2022 i congedi parentali al 50% per i genitori con figli in quarantena causa Covid ed è prorogata anche la possibilità di smart working per i lavoratori fragili.

 

 

Green Pass

Dal 1° febbraio 2022 la durata del Green Pass vaccinale è ridotta da 9 a 6 mesi. Inoltre, con ordinanza del Ministro della Salute, il periodo minimo per la somministrazione della terza dose sarà ridotto da 5 a 4 mesi dal completamento del ciclo vaccinale primario.

 

 

Mascherine

il Decreto stabilisce:

  • l’obbligo di indossare le mascherine anche all’aperto e anche in zona bianca fino al 31 gennaio 2022;
  • l’obbligo di indossare le mascherine di tipo FFP2 (per cui verranno disposti prezzi calmierati) in occasione di spettacoli aperti al pubblico che si svolgono all’aperto e al chiuso in teatri, sale da concerto, cinema, locali di intrattenimento e musica dal vivo (e altri locali assimilati) e per gli eventi e le competizioni sportive che si svolgono al chiuso o all’aperto. In tutti questi casi è vietato il consumo di cibi e bevande al chiuso;
  • l’obbligo di indossare le mascherine di tipo FFP2 su tutti i mezzi di trasporto.

 

 

Ristoranti e locali al chiuso

Fino alla cessazione dello stato di emergenza, viene introdotto l’obbligo di Green Pass rafforzato in qualunque esercizio di ristorazione per il consumo anche al bancone.

 

Eventi, feste, discoteche

Il Decreto stabilisce che, fino al 31 gennaio 2022:

  • sono vietati gli eventi, le feste e i concerti che implichino assembramenti in spazi all’aperto;
  • sono chiuse le sale da ballo, le discoteche e i locali assimilati.

 

 

Ingressi di visitatori in strutture socio-sanitarie e RSA

È possibile entrare per far visita alle strutture residenziali, socio-assistenziali, socio-sanitarie e hospice solo ai soggetti muniti di Green Pass rafforzato e tampone negativo oppure vaccinazione con terza dose.

 

 

Estensione del Green Pass con tampone

Estensione dell’obbligo di Green Pass ai corsi di formazione privati svolti in presenza.

 

 

Estensione del Green Pass rafforzato

Estensione dell’obbligo di Green Pass rafforzato:

  • al chiuso per piscine, palestre e sport di squadra;
  • musei e mostre;
  • per i centri benessere;
  • per i centri termali (salvo che per livelli essenziali di assistenza e attività riabilitative o terapeutiche);
  • per i parchi tematici e di divertimento;
  • per i centri culturali, i centri sociali e ricreativi (esclusi i centri educativi per l’infanzia);
  • per le sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò.