LA SALUTE PRIMA DI TUTTO! Segnala un disservizio.

La pandemia da COVID 19 ha messo a dura prova tutti i sistemi sanitari.

Anche in Toscana, dove pure il nostro servizio sanitario regionale nel 2019 era valutato tra i migliori in Italia, si sta registrando una fase di particolare difficoltà.

E’ urgente dare una risposta all’accresciuta richiesta di prestazioni sanitarie intervenendo sulle liste di attesa

Dobbiamo, nello stesso tempo, avere la consapevolezza che la sospensione dell’attività sanitaria extra covid ha accumulato ritardi e accresciuto il bisogno di salute, creando una straordinaria e ancora più pressante richiesta.

I dati regionali sulle liste di attesa mettono ben in evidenza questa situazione. Rimane ancora una forte differenza fra le prestazioni richieste e le prenotazioni effettuate. Analoga situazione si riscontra per quanto riguarda l’attività chirurgica.

Cresce quindi il malessere dei cittadini che non riescono a trovare un’ adeguata risposta al loro bisogno di salute. Le liste di attesa sono la spia di questo malessere.

Federconsumatori Toscana ne è consapevole e vuole dare voce e farsi carico di questo bisogno.

Lo sta facendo attraverso un forte impegno nei vari organismi di partecipazione istituiti con legge regionale, dove, associazioni di tutela come la nostra, possono segnalare e rappresentare problemi, fare proposte, partecipare alla valutazione dei servizi.

Federconsumatori Toscana, ha deciso di attivare una e-mail dedicata che consentirà un contatto diretto per quanti vorranno segnalare problemi, denunciare eventuali disservizi, avanzare proposte o chiedere chiarimenti.

Vi aiuteremo con suggerimenti specifici e, se lo vorrete, ci faremo carico per conto vostro, di trovare delle risposte a quanto da voi rappresentato.

Per segnalarci un disservizio basta scrivere a fct.sanita@federconsumatoritoscana.it

– descrivi il disservizio fornendo tutti i dettagli;

– lasciaci il tuo contatto telefonico per poterti contattare.

Aiutateci a migliorare il nostro sistema sanitario e chiedere il rispetto dei tuoi diritti anche in sanità.