DAZN: dopo le ripetute segnalazioni di Federconsumatori, finalmente un intervento di AGCom a tutela degli abbonati. L’azienda non può più nascondersi: gli utenti hanno diritto ad un servizio di qualità.

Anche in seguito alle sollecitazioni e alle segnalazioni più volte trasmesse da Federconsumatori, l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha finalmente adottato un provvedimento di urgenza nei confronti di Dazn per i ripetuti e diffusi disservizi riscontrati nella trasmissione in live streaming delle partite di calcio della serie A di calcio. Oltre ad aver accertato le criticità segnalate da Federconsumatori relativamente alla insufficiente qualità del servizio, AGCom ha confermato le criticità da noi evidenziate in merito alle pressoché inesistenti contromisure adottate dalla società e all’inadeguatezza del customer care. Accogliamo pertanto con grande soddisfazione il provvedimento con cui l’Authority intima a Dazn di adottare “ogni accorgimento funzionale a prevenire i malfunzionamenti della propria piattaforma” nonché di garantire “un servizio di assistenza clienti efficace ed efficiente, che preveda la possibilità di un contatto diretto con una persona fisica”.

In questi giorni abbiamo contestato con forza la politica dell’azienda, che ha addirittura negato che si stessero verificando importanti malfunzionamenti e che dall’inizio del campionato non ha in alcun modo rispettato il diritto degli utenti ad usufruire di un servizio di qualità. Blocchi del video, interruzioni di trasmissione, assenze di segnale, problemi di audio e prolungati blackout sono solo alcuni dei numerosi disservizi che gli abbonati sono stati costretti a sopportare, del tutto impotenti ed inermi nei confronti di una piattaforma che, dopo aver triplicato il costo del canone mensile, non mette a disposizione un adeguata assistenza agli abbonati e che ha persino rifiutato di erogare alla totalità della clientela una compensazione per i disagi subìti.

Valutiamo inoltre positivamente l’avvio da parte della stessa AGCom di un procedimento per definire i parametri di qualità dei servizi di trasmissione in live streaming da parte della società Dazn e le soglie ed i criteri per l’erogazione di indennizzi agli abbonati.

Il fatto che anche l’Authority abbia riconosciuto e accertato la fondatezza delle nostre segnalazioni dà ancora più forza alla nostra iniziativa ed azione per impedire a Dazn di continuare impunemente ad adottare comportamenti lesivi dei diritti dei consumatori. Rinnoviamo inoltre l’invito a chiunque abbia necessità di informazioni e assistenza a rivolgersi ad una delle sedi Federconsumatori presenti su tutto il territorio nazionale.